Scotland: perhaps my second home..

It was 2009, and my third year in Cagliari, on the South coast of Sardinia.

After a few years in Rome, I did move back to the island because¬†(same old story..!) I had fallen in love. It was supposed to be a starting point, I didn’t want to settle there in first place, but it was just meant to be a launchpad, we agreed.
Within the first 3 months after my move, both of us were going to work every morning and not perceiving any salary. Such a great idea to be in the same workplace! After 3 unpaid months, we both quit the job and started doing whatever we could to help our financial resources.

November 2006 to May 2009 seemed like an endless time.
We were struggling to get to the end of the month and surely not saving any penny for whatever plan in the future.
But got married in 2007, and fell in love with Iceland, where we spent our honeymoon (I will very likely write a full post about that other island!). We so much loved the place that we started being “homesick”, when we returned.
We were living day by day, trying to rely on each other and, secretly, hoping for something great to happen, sooner or later!

Guess what..? Nothing happened.
So we did make it happen!

We had loads of conversations about moving abroad, trying to escape this suffocating loop we got stuck into. Often working for free, and hard, never being able to go anywhere, and getting frustrated because we certainly didn’t fit into the system.
In May 2009 I quit my job and we both moved to my hometown, in order to save as much money as possible, working and not having to pay any rent. And It did work quite well in fact!
At the end of November we were leaving with our 2 cats, and as much stuff as we could fit into our car, and driving North.
And North.
And Norther.

307444_2397298054745_7121345_n

Scotland was the right compromise between our dream land (Iceland) and an easier start.
It would have been quite a jump to go straight there, from language issues to hitting their economic crisis, not to mention further complications due to some special procedures they required for our cats in order to be brought there.
The UK, especially up there in the North, was also the closest country to our promised land: “we can go whenever we feel like it! Just take a short and cheap flight and get lost there for a few days..!”.
Moreover, we had a bunch of friends already living in Central Scotland and they always said positive things about living there (yes, they did complain about the weather though!).
It did seem the right choice.
Since then, more than 6 years have passed (and no, we didn’t go back to Iceland!).

This country is extremely well organised, the system does help you in many ways, and you don’t constantly feel like the hamster running and… just running (up to a certain point.. ¬†the system is still the system, after all!).
Growing up in the countryside, as mentioned in another post, certainly had a deep impact on my way of living nature. And Scotland is nature.

10257291_10204154765212253_8004207404411049717_o

We had bad and good times, quite bad at the beginning, actually, but we knew exactly why we did leave our roots behind, and were ready to face any difficulties as they came. We were well aware of the sacrifices we would have to make.
Scotland gifted us with great joy and satisfaction, and our lifestyle started to improve very quickly.
It definitely was the right choice.

10275410_10204091810758431_4216090226231829798_o

We’ve traveled a lot, and seen so many places around, from the borders to the most northern point and behind, in the islands.. We loved every bit of it.
Thank you Scotland.

Settling down in a place which is not within your veins can be difficult, scary, challenging, it requires a lot of determination (but this one certainly was not one of our weaknesses).

IMG_1205

I could see myself based here, for this place really gives me a great positive energy with its powerful wilderness all around. I’m strongly¬†connected to this soil now, and it feels good. Whatever will happen, Scotland will always have a special place in my heart. Next to Iceland perhaps.

Then… a loooot of things happened….. and, last but not least, the redundancy thing¬†kicked in, and my decision (need) of leaving this place, at least for a while, to¬†see things in a way I had never done before, had become like a giant glowing sign on the path of my mind, that I just couldn’t ignore, nor avoid, any longer.

Let’s do it again!
Go to a new place and start again from scratches, and then do it again, and again, until it becomes your approach to everything in life: do it slowly, from the base to the very top. Learn. Repeat.
I will be leaving this home in 13 days, on the 6th of February.
One way ticket Edinburgh-London-Jakarta.

And it feels freaking right!

See you later, Scotland!

 

flag_italy_small

Scozia: in qualche modo la mia seconda casa..

Era il 2009, ed il mio terzo anno a Cagliari, nella costa Sud della Sardegna.
Dopo aver passato qualche anno a Roma, tornai¬†sull’isola perch√© (la solita vecchia storia..!) mi ero innamorata.
Questo spostamento doveva essere solo temporaneo, non era nelle mie intenzioni mettere radici lì, e decidemmo che quello sarebbe stato soltanto un trampolino di lancio.
Entro i primi tre mesi dopo il trasloco stavamo entrambi andando a lavorare ogni mattina senza essere pagati a fine mese. Che fantastica idea lavorare entrambi nello stesso posto! Dopo i primi tre mesi non retribuiti ci licenziammo entrambi ed iniziammo a fare qualsiasi cosa ci consentisse di risollevare le nostre finanze.

Da Novembre 2006 a Maggio 2009 sembrò un tempo infinito.
Avevamo difficoltà ad arrivare a fine mese e certamente non eravamo nelle condizioni di mettere da parte alcun risparmio per un qualsiasi progetto futuro.
Ma nel 2007 ci sposammo ed innamorammo dell’Islanda, dove avevamo passato la luna di miele (senza dubbio scriver√≤ un post a parte per quest’altra isola!). Quel posto tocc√≤¬†talmente in profondit√† la nostra essenza che al rientro iniziammo a sentirne enormemente la mancanza.
Vivevamo giorno per giorno, facendo affidamento uno sull’altro e, in segreto, sperando che prima o poi accadesse qualcosa di grandioso!

Indovinate un po’…? Non successe nulla.
E allora lo abbiamo fatto succedere!

Iniziammo ad avere numerose conversazioni sulla possibilit√† di spostarsi all’estero, cercando di fuggire quel soffocante circolo in cui eravamo incastrati.¬†Spesso lavorando senza retribuzione, e sodo, non potendoci mai muovere, e sentendoci frustrati perch√© certamente non calzavamo affatto con il sistema.
Nel Maggio 2009 lasciai il lavoro e ci spostammo nel mio paese d’origine¬†con l’intenzione di risparmiare a sufficienza da poterci muovere a fine stagione. E in effetti funzion√≤ alla grande!
Alla fine di Novembre stavamo partendo con i nostri 2 gatti, tutto quello che eravamo riusciti ad incastrare in macchina, guidando verso Nord.
E Nord.
E ancora pi√Ļ a Nord.

La Scozia era il giusto compromesso tra la terra dei sogni (l’Islanda) ed una partenza facilitata.

IMG_4314 copy

Sarebbe stato troppo traumatico fare un salto unico fino l√¨, da problemi relativi alla lingua alla crisi economica che stavano attraversando, senza contare¬†le varie complicazioni che avremmo dovuto affrontare portando l√¨ i gatti, a causa di speciali requisiti e procedure locali per consentire al tuo animale domestico l’entrata nel paese.
Il Regno Unito, ed in particolare lass√Ļ al Nord, era anche la nazione pi√Ļ vicina alla nostra terra promessa: “potremo andarci ogni volta che ne avremo voglia! Da l√¨¬†baster√† prendere un biglietto aereo dal costo contenuto, per un tempo relativamente breve e¬†perderci nel nulla per qualche giorno..!”.
Avevamo inoltre alcuni amici che già vivevano nella Scozia Centrale, e i loro commenti sulla vita lì erano sempre stati positivi (sì, comunque si lamentavano del tempo!)
Ci sembrava la scelta giusta.
Da allora sono passati oltre 6 anni (e no, non siamo mai tornati in Islanda!).

IMG_4353 copy

Questo paese √® estremamente ben organizzato, il sistema ti assiste in vari modi e non ti senti costantemente sulla ruota, come il criceto che corre e…. corre… e basta (fino ad un certo punto, dopo tutto il sistema √® pur sempre il sistema!)
Crescere in campagna, come già descritto in un altro post, certamente ha avuto un profondo impatto sul mio modo di vivere la natura. E la Scozia è natura.

10479900_10204154637009048_7505090863161734987_o-2

Abbiamo avuto bei tempi e pessimi momenti, decisamente orribili all’inizio, ma sapevamo esattamente perch√© avevamo lasciato indietro le nostre radici, ed eravamo disposti a fronteggiare qualsiasi difficolt√† sarebbe arrivata nel tempo. Eravamo ben consapevoli dei sacrifici che avremmo dovuto fare.
La Scozia ci ha regalato grandi gioie e soddisfazioni, e il nostro stile di vita migliorò molto velocemente.
Era stata senza dubbio la scelta giusta.
Abbiamo viaggiato parecchio, visto tantissimi posti, dal confine sud al punto pi√Ļ a Nord ed oltre, nelle isole… e ne abbiamo amato ogni istante.
Grazie Scozia!

“Sistemarsi” in un paese che non hai nelle vene pu√≤ essere difficile, preoccupante, oneroso, e richiede molta determinazione (non che ne fossimo a corto!).
Riesco¬†facilmente ad immaginare questo posto come mia base, perch√® riesce a trasmettermi grande energia positiva in¬†tutta la sua natura incontaminata.¬†Sono fortemente legata¬†a questa terra, mi fa sentire bene.¬†Qualsiasi cosa succeder√†, la Scozia avr√† sempre un posto speciale nel mio cuore. Accanto all’Islanda magari.

E poi…. un saaaaaacco di cose sono successe….. e, quando salt√≤ fuori il mio licenziamento, la decisione (necessit√†) di lasciare questo posto, almeno per un po’, per vedere le cose in un modo nuovo, che non avevo mai sperimentato¬†prima, era diventata come un enorme segnale raggiante sul sentiero della mia testa, e non potevo pi√Ļ ignorarlo, o evitarlo.

Rifacciamolo!
Andare in un posto nuovo e cominciare nuovamente da zero, e poi di nuovo, e poi ancora, fino a che questo diventerà il tuo unico approccio alla vita: fallo lentamente, dalle basi fino alla cima. Impara. Ripeti.
Lascerò questa casa fra 13 giorni, il 6 Febbraio 2016.
Un biglietto di sola andata Edimburgo-Londra-Jacarta.

E questa sì che è una scelta giusta!

Arrivederci Scozia!!