Where my roots come from

Sardinia.2014-05-16 15.37.29-1
Old land of stunning coastlines, white sandy beaches, and rocky granite ones, crystal clear water, wild inland with a surprising archeology history, tough and proud people, island of both dreams and chains.

I come from a little town at the very northernmost point of the island. With just a little more than 5 thousands souls, Santa Teresa is the place where I grew up and lived permanently until I reached the age of 18.

Tourism is the main economical resource, which also means that off season is very difficult to find a job that would allow you to live there all year round, or a seasonal one that would pay enough to help you survive through the winter and make it to the following warm months. This make things difficult, especially for young people, as they are often forced to move somewhere else for the winter seasons, resulting in a nomadic life style, at least in their twenties, trying to figure out what to do in the future. Some of them permanently move elsewhere, sometimes in bigger cities (in sardinia or on the mainland), some others simply seek for a place to call home abroad, a place that would allow them to settle.

Despite all, sardinian people are deeply attached to their motherland. Their roots grow thick and spread wide underneath the surface.
At a glance I might look very different from all of them, I left home early and tend not to go back very often (usually once a year, sometimes not even so), I don’t miss it at all when I’m away, and I’m more than sure that I’m not going back, ever (yeah, I know, never say never… but that’s what I think now, but¬†in fact who knows…).
But in truth I absolutely love that floating piece of land. For its simple beauty, its colours, the smells, landscapes, anything about it is absolutely lovely. Fact. Beaches, rocks, woods, fields, the vegetation that manage to grow despite the very salty air, the stunning sea bottom… totally amazing, one just cannot disagree.

Here’s a gallery of my favorite places around my hometown, places that I can not miss to visit all the times that I go back, places that fill me up with extraordinary energy…

And this gallery could go on forever, as I am totally incapable of picking one pic instead of another, as every place and moment frozen in my pictures is special to me..
I’m glad I was born there, and happy I had the chance to spend endless days playing out in the countryside, chasing lizards, instead of in a living room in front of a TV in a big city. Obviously this had a deep impact in shaping¬†the human¬†I am today, the pure love I have for nature and freedom wouldn’t probably be there if I had different roots.

Sardinia is quite a big island, the second largest¬†in Italy, so if you ever go¬†there make sure you have/rent a car, as public transports for the sake of exploring are not good at all and hitch-hiking is an adventure I wouldn’t recommend there… for you are very likely to¬†end up stuck somewhere, missing the chance to discover hidden¬†little gems, some of which are only reachable by hours of driving and further walks.
Having said this, I strongly recommend you to give this land a try, if you love wild and peaceful landscapes. There is much more than the pics I shared, these are just a few of my very own area, but there’s absolutely more beauty all around.

Best time to go? Definitely late spring (May is my favourite month)! The colours and smells are just priceless!
Moreover, this way you avoid the crowds, which also means you get better services for better prices. During the summer can be very busy and, apart from feeling annoyed by all of the people around in every corner, queuing for anything, locals are less friendly and much more stressed out, due to the huge amount of tourists they have to deal with.
September is also a good month, not too busy and enjoyable, the temperatures are pleasant too and prices not too high, but I still prefer spring time because I believe it to be the best moment to fully experience nature at its best.¬†Summer, being very hot, dries out everything and you just miss the chance to see Sardinia’s vividness.

Feel free to ask me anything you’d like to know about the island, if I won’t be able to help you myself, I will¬†certainly recommend you¬†someone who¬†can!

 

flag_italy_small

Le mie origini

Sardegna.
Antica terra di coste mozzafiato, spiagge di soffice sabbia bianca o di duro granito, acqua cristallina, entroterra selvaggio con una sorprendente storia archeologica, gente dura ed orgogliosa, terra di sogni e catene.

Vengo da un piccolo paesino situato all’estrema punta nord dell’isola. Con appena poco pi√Ļ di 5 mila anime,¬†Santa Teresa¬†√® il posto in cui sono cresciuta ed ho vissuto stabilmente fino alla maggiore et√†.
La principale fonte economica √® il turismo, il che significa anche che, fuori stagione, √® particolarmente difficile trovare un lavoro che ti consenta di sopravvivere tutto l’anno, o anche uno stagionale che sia sufficientemente ben pagato per aiutarti ad arrivare nuovamente ai mesi estivi.
Questo crea difficoltà, soprattutto tra i giovani che sono spesso obbligati a spostarsi altrove per le stagioni invernali, gettando le basi per uno stile di vita nomade, e cercando di immaginare cosa il futuro abbia in serbo per loro.
Altri ancora si spostano permanentemente, a volte in citt√† pi√Ļ grandi (sia in Sardegna sia sulla terra ferma), oppure semplicemente cercano un posto all’estero che li faccia in qualche modo sentire a casa, un posto che consenta loro di “sistemarsi”.

Nonostante le difficoltà, i sardi sono profondamente attaccati alla loro terra. Le loro radici sono spesse e ramificano largamente sotto la superficie.
Potrebbe sembrare che io sia diversa da tutti loro, ho lasciato casa presto e non vi faccio ritorno spesso (normalmente una volta l’anno, a volte anche meno), non ne sento la mancanza quando sono fuori, e sono certa che non torner√≤ a viverci (certo, mai dire mai… ma questo √® quello che penso ora, in effetti.. chiss√†!)
Ma in realt√† anche io amo profondamente quel pezzo di terra galleggiante! Per la sua semplice bellezza, i suoi colori, gli odori, i panorami.. tutto √® davvero¬†bellissimo. Punto. Spiagge, rocce, boschi (pinete), campi, la vegetazione che cresce nonostante l’aria estremamente salmastra, i meravigliosi fondali marini… assolutamente fantastico, nessuno pu√≤ dire il contrario.

Qui sopra ho inserito una galleria dei posti che preferisco¬†attorno al mio paese, posti che non manco mai di visitare, ogni volta che torno, posti che mi riempiono di un’energia eccezionale.

– Vedi galleria in alto –

E la selezione potrebbe andare avanti all’infinito. Perch√© sono assolutamente incapace di scegliere una foto a dispetto di un’altra, principalmente perch√© ognuna di esse rappresenta un posto, un momento congelato nella mia memoria, speciale per me.
Sono fiera di essere nata lì, e felice di aver avuto la possibilità di passare giornate intere a giocare in campagna, rincorrendo lucertole, piuttosto che in un soggiorno, davanti ad una TV, in una grande città.
Ovviamente questo ha avuto un impatto molto forte nella formazione dell’umano che sono oggi, il semplice e puro amore che ho verso la natura e la libert√† non sarebbero l√¨ se avessi avuto della radici diverse.

La Sardegna √® un’isola abbastanza grande, la seconda per dimensioni¬†in Italia. Raccomando a coloro che volessero andarci un giorno di assicurarsi di avere/affittare una macchina, in quanto i trasporti pubblici per il solo scopo esplorativo non sono affatto buoni, e fare l’autostop √® un’avventura che non vi augurerei di provare l√¨… finireste per rimanere bloccati da qualche parte, perdendo l’occasione di scoprire piccole gemme nascoste, alcune delle quali sono raggiungibili solo tramite ore di macchina ed altrettante lunghe camminate.
Detto ci√≤, dovreste assolutamente dare una chance a questa terra, se amate vedute placide ed incontaminate. C’√® molto di pi√Ļ delle poche immagini che ho condiviso, queste sono solo alcune restrittivamente della mia zona, ma c’√® davvero tanta¬†bellezza ovunque.

Miglior momento per programmare una tappa? Decisamente tarda primavera (maggio è il mio mese preferito)! I colori e gli odori sono semplicemente impagabili!
Per di pi√Ļ, in questo modo evitate le folle, che significa anche poter ricevere servizi migliori a prezzi migliori. L’estate pu√≤ essere molto caotica in Sardegna e, oltre alla frustrazione per la troppa gente in ogni angolo, il dover fare file per tutto, la popolazione locale √® molto meno disponibile, per via del fatto che si trova sotto forte pressione.
Anche Settembre √® un mese da tenere in considerazione, non √® pi√Ļ troppo affollato, le temperature sono piacevoli ed i prezzi non pi√Ļ cos√¨ alti. Ad ogni modo io continuo a preferire la primavera perch√© credo sia il miglior momento per vivere la natura durante il suo picco migliore. L’estate, essendo molto calda, inaridisce tutto e questo fa si che si perda la possibilit√† di vedere la vivacit√† dei colori sardi

Sentitevi liberi di chiedermi qualsiasi cosa vogliate sapere sulla Sardegna, se non sarò capace di aiutarvi in prima persona, certamente potrò indirizzarvi verso chi saprà farlo!